Pulizia e dintorni

Come pulire i termosifoni ed evitare la formazione di polvere

7 Gennaio

BLOG
Come pulire i termosifoni ed evitare la formazione di polvere

termosifoni ci riscaldano durante le rigide giornate invernali, rendendo la casa confortevole e accogliente, ma per garantirne la massima efficienza e mantenere l’aria più salubre, non bisogna dimenticare di pulirli periodicamente. Lo sappiamo bene: può sembrare un compito lungo e faticoso, ma, come per tutte le faccende domestiche, quando si conoscono le tecniche e gli strumenti idonei diventa tutto più semplice da gestire. 
Proprio per questo abbiamo voluto concentrarci su come pulire i termosifoni: vedrai, grazie alle dritte giuste, riuscirai a prenderti cura dei tuoi radiatori senza troppe difficoltà!

Pulizia dei termosifoni: perché è così importante?

Prima di vedere come pulire i termosifoni, capiamo perché è importante svolgere questo lavoro e quando farlo. I caloriferi andrebbero igienizzati in modo approfondito prima dell’accensione invernale. In questo modo, rimuovendo tutto lo sporco che si è accumulato sulla superficie e tra gli interstizi, renderemo il radiatore più efficiente ed eviteremo che la polvere si diffonda nell’abitazione, creando un ambiente poco salubre, soprattutto per coloro che soffrono di allergie
Settimanalmente – o più spesso se necessario – è inoltre fondamentale eliminare la sporcizia che tende a depositarsi sulla superficie esterna.

Come pulire i termosifoni: i principali step da seguire

I radiatori possono essere realizzati con materiali diversi, ad esempio in ghisa e in alluminio. Al di là del modello, la pulizia approfondita prevede solitamente 3 passaggi, tutti da effettuare a radiatore spento. Vediamoli insieme: 

  1. Rimozione della polvere. Durante il primo step si elimina la polvere accumulata sulla superficie, negli angoli e sulla parete posteriore del calorifero: per farlo, ci si può avvalere di vari strumenti tra cui scovoliniaspirapolverepanni antistatici.
  2. Pulizia interna del termosifone. Questo passaggio consiste nel liberare l’interno del radiatore dalla presenza di eventuali bolle d’aria e impurità, in modo che possa lavorare in modo migliore.
  3. Detergere e sgrassare la superficie esterna. Il terzo step prevede la detersione profonda della superficie del calorifero con lo scopo di igienizzarla ed eliminare eventuali macchie

Ora che conosciamo la procedura generale, scopriamo, nel dettaglio, come comportarsi con i radiatori in ghisa e i radiatori in alluminio.

La pulizia dei termosifoni in ghisa

I termosifoni in ghisa rappresentano i modelli più classici. Sebbene tendano ad essere più “antipatici” da pulire rispetto a quelli in alluminio – perché spesso presentano forme più complesse – con le soluzioni adeguate è tutto risolvibile in pochi passi.

Evitare la polvere dei termosifoni spolverando con cura

Per una pulizia approfondita, il primo passaggio da seguire è spolverare. In questa fase puoi usare dei panni antistatici, degli scovolini appositi e un aspirapolvere, ad esempio un aspiratore multiuso. Vediamo alcuni suggerimenti specifici: 

  • L’aspiratore è un alleato prezioso nella cura dei radiatori, in quanto permette di aspirare lo sporco intorno e sotto il calorifero; inoltre, grazie alla bocchetta per fessure, è in grado di inserirsi fra gli interstizi rimuovendo la polvere più nascosta. Gli aspiratori AR Blue Clean sono tutti dotati di questo accessorio.  
  • Per la parte posteriore, in genere molto ostica da spolverare a causa dello spazio ristretto tra radiatore e parete, puoi adottare più soluzioni. Ad esempio, è possibile adoperare un lungo scovolino (in commercio ne esistono di appositi per l’igiene dei termosifoni) o, con un metodo più amatoriale, prendere un metro di legno e avvolgere alla sua estremità un panno, fissandolo con del nastro adesivo. Che tu scelga l’uno o l’altro strumento, dovrai passarlo sul retro del termosifone muovendoti dall’alto verso il basso per eliminare lo sporco. L’ideale è posizionare della carta di giornale sotto al calorifero, in modo che raccolga la sporcizia che cadrà. Se invece non ci hai pensato, niente paura: l’aspiratore risolverà tutto in un baleno!
  • Tra le tecniche per eliminare la polvere dalla parte posteriore e dagli spazi interni del radiatore rientra anche un sistema casalingo che consiste nell’utilizzare l’asciugacapelli. Dopo aver posizionato un asciugamano bagnato sotto al calorifero e un altro dietro di esso, puoi “armarti” di phon e puntare il getto d’aria fredda dietro al radiatore e fra le incanalature: in questo modo, lo sporco cadrà sui teli bagnati rimanendo imprigionato. Basterà quindi lavare gli asciugamani per eliminare il problema!

Pulizia dell’interno dei radiatori in ghisa

Come pulire l’interno dei termosifoni in ghisa? Si tratta di una procedura piuttosto semplice. Ecco come fare:

  1. innanzitutto, posiziona sotto il termosifone dei fogli di giornale o degli asciugamani per evitare che il pavimento si bagni e si sporchi; 
  2. sistema una bacinella sotto la valvola di sfiato, quindi apri la valvola e lascia fuoriuscire l’acqua;
  3. quando senti che lo sfiato d’aria è terminato, puoi chiudere la valvola

Come detergere l’esterno dei termosifoni in ghisa

Anche la detersione accurata delle parti esterne rientra nella pulizia profonda del calorifero in ghisa. Consigliamo di eseguire questo step dopo il lavaggio della parte interna, perché durante l’apertura della valvola di sfiato il termosifone potrebbe schizzarsi e sporcarsi. Per farlo, ti consigliamo di: 

  1. riempire una bacinella con dell’acqua tiepida e versare all’interno del detergente per piatti oppure del detergente neutro;
  2. mescolare fino a creare un po’ di schiuma;
  3. immergere una spugna, strizzarla e passarla sulle parti esterne del calorifero;
  4. risciacquare con un panno morbido bagnato di acqua pulita; 
  5. asciugare bene

Una valida opzione alternativa è adoperare un pulitore a vapore. Se ti interessa sapere di più sulle applicazioni e gli errori da non commettere con questo strumento, perché non leggi il nostro articolo su come pulire la casa con il vapore?

Come prendersi cura dei termosifoni in alluminio

Molti dei radiatori presenti nelle abitazioni odierne sono in alluminio: questi, in genere, mostrano un design più snello rispetto a quelli in ghisa e ben si adattano agli arredi moderni. Al di là del fatto che tendano ad essere meno complessi da pulire rispetto ai modelli in ghisa, le tecniche e gli strumenti non si differenziano particolarmente da questi ultimi. 

Per quanto riguarda la rimozione della polvere, ti suggeriamo sempre di usare un panno antistatico e uno scovolino lungo, utilissimo per intervenire negli interstizi dei termosifoni dotati di elementi particolarmente ravvicinati fra loro. Ti consigliamo, inoltre, di avere sempre a disposizione un aspirapolvere o un aspiratore multiuso per pulire l’area intorno e sotto al calorifero.
In relazione alla parte interna, puoi procedere seguendo il metodo illustrato precedentemente, ossia facendo sfiatare l’aria tramite l’apposita valvola. Allo stesso modo, anche per la detersione delle superfici esterne puoi seguire la tecnica descritta per i radiatori in ghisa oppure optare per un pulitore a vapore.

Come pulire il termosifoni: il consiglio in più

Talvolta, può capitare che i radiatori appaiano ingialliti: come muoversi in questo caso? Per provare a sbiancarli, un’opzione può essere intervenire con una soluzione a base di acqua e candeggina, per esempio, oppure, se la patina gialla è molto spessa e difficile da togliere, puoi valutare di riverniciare i termosifoni dopo aver rimosso lo strato deteriorato. 
Non di rado, inoltre, la parete sopra il calorifero mostra dei “baffi” scuri: questi possono essere eliminati utilizzando una miscela composta da acqua tiepida e alcune scaglie di sapone di Marsiglia. La soluzione, che deve essere molto fluida, andrà strofinata delicatamente sul muro e i residui di sapone dovranno essere rimossi con una spugna umida. È bene che le spugne usate siano di colore chiaro per non rischiare di macchiare accidentalmente il muro, e che, alla fine dell’operazione, si aprano le finestre per consentire alla superficie di asciugare per bene.

Come abbiamo visto, gli aspiratori multiuso sono degli alleati perfetti per la pulizia dei termosifoni, ma sono un supporto indispensabile anche per molte altre faccende domestiche come la cura di garage e cantine o dei terrazzi, per non parlare del prezioso aiuto nell’igiene dei tappeti e dell’automobile. Scopri tutte le applicazioni di questi strumenti nella sezione dedicata ai bidoni aspiratutto AR Blue Clean!