AR BlueClean / Consigli d'uso / Idropulitrice professionale o domestica: come scegliere il modello più adatto?

Idropulitrice professionale o domestica: come scegliere il modello più adatto?

idropulitrice-professionale

Quando si acquista per la prima volta un’idropulitrice, può capitare di sentirsi confusi davanti all’ampia scelta presente sul mercato. Individuare il prodotto migliore non è facile: se non si hanno competenze in questo campo e non si è consigliati da un professionista, il rischio di fare un acquisto sbagliato è dietro l’angolo. Uno dei tanti quesiti che ci si trova ad affrontare riguarda la scelta tra un’idropulitrice professionale e domestica: qual è la più adatta alle nostre esigenze? Vediamo che cosa distingue queste tipologie di prodotto e quali sono i criteri per una valutazione adeguata.

Idropulitrice professionale e domestica: che differenza c’è?

Partiamo col dire che le idropulitrici in commercio possono essere suddivise in tre categorie: domestiche, semiprofessionali e professionali. Per capire su quale modello dirigerti, dovrai chiederti prima di tutto come userai la macchina e quanto frequentemente: conoscendo la risposta a questa domanda, e tenendo conto delle peculiarità che contraddistinguono un’idropulitrice professionale da una domestica, sarà molto più facile orientarsi e trovare l’articolo giusto. Ecco i principali elementi che differenziano i prodotti in questione:

Diversi materiali costruttivi

Il più importante aspetto che distingue un’idropulitrice professionale da una domestica è la robustezza dei materiali. Perché è un fattore tanto decisivo? La risposta è semplice: un prodotto studiato per un contesto lavorativo richiedenecessariamente una struttura e dei componenti che ne assicurino la resistenza in condizioni di utilizzo intenso e gravoso. Vediamo più nel dettaglio quali sono, da questo punto di vista, le caratteristiche dei modelli domestici, semiprofessionali e professionali:

  • Le idropulitrici domestiche sono progettate per un impiego saltuario e poco impegnativo. Sono quindi perfette per lavare l’automobile il fine settimana, ad esempio, oppure per prendersi cura della bicicletta e dei mobili da giardino. Anche i prodotti migliori di questa categoria, però, non sono strutturati per sopportare lunghi turni di lavoro: un utilizzo intenso, quindi, finirebbe col danneggiarli.
  • Le idropulitrici semiprofessionali fungono da ponte fra i modelli più basici descritti in precedenza e i modelli professionali. Anch’esse concepite per il contesto domestico, possono essere usate più frequentemente e per attività maggiormente gravose. Cosa determina questo salto di qualità? La maggior robustezza dei materiali, come la pompa con testata in ottone, ad esempio.
  • Le idropulitrici professionali sono la scelta giusta se devi utilizzare la macchina continuativamente; per questo rappresentano lo strumento perfetto in un ambito lavorativo come il settore edile, agricolo, automotive e artigianale, solo per fare alcuni esempi. La struttura robusta, unita alla presenza di un motore più grande, resistente e potente, e di una pompa professionale, garantisce prestazioni di alto livello e la massima longevità del prodotto.
idroulitrice-professionale-arblueclean

Idropulitrice domestica e professionale: le differenti performance pulenti

Oltre all’aspetto legato ai materiali costruttivi, le idropulitrici professionali e domestiche si distinguono per le prestazioni pulenti. Come abbiamo spiegato nell’articolo dedicato a come scegliere un’idropulitrice, le performance della macchina sono determinate da una perfetta combinazione di pressione e portata: la pressione segnala la forza con cui il getto d’acqua viene emesso, mentre la portata indica la quantità d’acqua erogata in uno specifico lasso di tempo.

Per fornire alcune indicazioni generali, possiamo dire che si va da modelli per uso domestico con una pressione massima di 110/120 bar, per arrivare a prodotti professionali in grado di raggiungere anche i 500 bar; questi ultimi, in genere, offrono anche la possibilità di regolare la pressione di lavoro. Per quanto riguarda la portata, invece, una macchina di buona qualità, destinata alla cura della casa, dovrebbe presentare un valore di almeno 350 l/h, mentre alcune idropulitrici professionali possono superare anche i 1000 l/h. Talvolta, i prodotti di tipo professionale e semiprofessionale hanno livelli di pressione e portata simili; ciò non significa, però, che siano equiparabili: i secondi, infatti, non hanno la stessa resistenza dei primi per quanto riguarda l’intensità dei ritmi di lavoro. Ecco alcuni esempi pratici per comprendere meglio le differenze fra le categorie descritte:

  • Un modello come Annovi Reverberi AR 117 rappresenta una pratica e performante idropulitrice domestica. Con una pressione massima di 110 bar e una portata massima di 390 l/h è ideale per un impiego saltuario su piccole superfici come arredi esterni, biciclette e cancellate.
  • Un articolo come AR Blue Clean 5 Series 586, che rientra sempre nella sezione Home & Garden, può già essere considerato un prodotto semiprofessionale: la pompa con testata in ottone e gli accessori di alto livello, infatti, consentono di usarla con maggiore frequenza. Inoltre, la portata massima di 480 l/h e la pressione massima di 150 bar permettono alla macchina di agire efficacemente sullo sporco ostinato presente su ampie aree come pavimentazioni, piscine e pareti.
  • Fa invece parte delle idropulitrici professionali AR Blue Clean 6 Series 613, appartenente alla linea Light Professional. Si tratta di uno strumento robusto ed estremamente versatile, capace di resistere maggiormente all’usura che deriva da un utilizzo continuativo; con una portata massima di 500 l/h e una pressione massima di 150 bar, variabile grazie al regolatore di pressione, è l’ideale per l’ambito edile, artigianale e agricolo.
idropulitrice-professionale-o-domestica

L’alimentazione del motore: elettrico o a scoppio

Le macchine professionali possono essere sia a gas sia elettriche, mentre quelle domestiche sono generalmente alimentate da un motore elettrico. Che differenza c’è fra queste tipologie? La presenza di un motore a scoppio, oltre a fornire maggiore potenza, è particolarmente utile dove non è possibile collegarsi alla rete elettrica; d’altro canto, questi prodotti presentano lo svantaggio di non poter essere usati in luoghi chiusi, data l’emissione di gas nocivi, senza contare la minore maneggevolezza che li caratterizza.

Solitamente, le idropulitrici per la casa sono di tipo elettrico, assicurano una maggiore trasportabilità e, allo stesso tempo, ottime prestazioni per tale contesto. Non mancano naturalmente i modelli studiati per l’ambito lavorativo con un motore di questo genere. Un esempio? La già citata AR Blue Clean 6 Series 613, una macchina che può essere portatile, abbinata all’apposito carrello oppure annessa all’unità di montaggio a muro per l’utilizzo da una postazione fissa.

La possibilità di lavorare ad acqua calda o ad acqua fredda

Un’altra differenza fra le idropulitrici domestiche e professionali riguarda la capacità di lavorare con acqua calda. Sebbene non tutti i modelli di alto livello presentino tale funzionalità, le idropulitrici a caldo sono tendenzialmente di tipo professionale: come abbiamo spiegato nell’articolo dedicato a questa tematica, infatti, è nel contesto lavorativo che si presenta più spesso la necessità di rimuovere sporco di tipo oleoso, circostanza in cui solo le macchine ad acqua calda possono intervenire efficacemente. Per la pulizia degli spazi esterni della casa, invece, è in genere sufficiente un prodotto ad acqua fredda.

idropulitrice-professionale-annovi-reverberi

Il prezzo e le dimensioni

L’ultimo termine di paragone riguarda il prezzo e le dimensioni. Generalmente, un’idropulitrice professionale è più grande rispetto a una domestica, a maggior ragione se dotata di motore a scoppio o di caldaia per il riscaldamento dell’acqua. I prodotti per la casa e il giardino, invece, sono studiati per essere usati con la massima semplicità: presentano quindi dimensioni compatte e un peso ridotto. E per quanto riguarda il prezzo? Anche su questo punto, naturalmente, non potevano mancare delle differenze: data la maggior robustezza dei materiali e le performance particolarmente elevate, il costo delle macchine professionali non può che essere maggiore rispetto a quelle domestiche.

Vuoi sapere qualcosa in più sul mondo delle idropulitrici? Se desideri avere maggiori informazioni su queste macchine portentose, puoi dare un’occhiata al nostro articolo dedicato al loro funzionamento!

Potrebbero interessarti:

  • AR Blue Clean 6 Series 613

  • AR Blue Clean 1 Series 117

  • AR Blue Clean 5 Series 586