Sconti fino al 15% su idropulitrici Black Edition, accessori e detergenti. Promo valida dal 17 al 23 maggio.

Pulizia e dintorni

Pipì di gatto: come pulirla e rimuovere gli odori

26 Ottobre 2021

BLOG
Pipì di gatto: come pulirla e rimuovere gli odori

Sebbene non capiti frequentemente, può accadere che il nostro adorato micio faccia pipì fuori dalla lettiera. Oltre a domandarci che cosa abbia provocato questo comportamento (i gatti sono molto puliti e c’è sempre una ragione se la fanno in luoghi “sbagliati”) dovremo anche rimboccarci le maniche e rimediare al danno il più presto possibile.

L’urina di gatto, infatti, ha un odore estremamente pungente e sgradevole che, se non agiamo in fretta, rischia di impregnare superfici e tessuti per tantissimo tempo. Scopriamo allora come pulire la pipì di gatto e come rimuovere gli odori da pavimenti, tappeti, divani e indumenti.

Quando il gatto fa pipì dove non deve: perché si comporta così?

Prima di capire come pulire la pipì di gatto, è bene sapere che possono esserci molte ragioni per cui il tuo micio, improvvisamente, non fa più i bisogni nella lettiera e sporca in altri punti della casa come divani, pavimenti e tappeti. Una di queste può essere la presenza di malattie, come le infezioni alle vie urinarie, un’eventualità che andrebbe sempre accertata facendo visitare il gatto da un veterinario. Altre cause possibili sono lo stress, ad esempio derivante da un trasloco, una ristrutturazione, l’arrivo di una nuova persona o di un nuovo animale in famiglia, ma anche la necessità di marcare il territorio (specialmente nei gatti maschi non sterilizzati).

Sapevi che anche una lettiera sporca può indurre questo comportamento? I gatti, infatti, sono molto puliti – e anche un tantino pignoli e schizzinosi – per cui una scarsa igiene della loro toilette può portarli a dirigersi altrove. Il cambio del tipo di sabbietta e uno spostamento della lettiera sono altri due possibili fattori scatenanti: nel primo caso il micio potrebbe non apprezzare l’odore o la consistenza della nuova sabbia, nel secondo non sentirsi a proprio agio nel posto in cui la sua toilette è stata posizionata (magari è un luogo di passaggio o troppo rumoroso).

Qualunque sia la ragione, il fatto che il micio faccia pipì in punti diversi dalla lettiera dovrebbe essere sempre motivo di attenzione da parte del padrone: significa che l’animale nutre qualche forma di disagio che va immediatamente compresa, prima di tutto accertandoci che non abbia problemi di salute.

Pulire la pipì del gatto con l'aspiratore

Pulire la pipì di gatto: consigli generali ed errori da non commettere

Il primissimo errore da non commettere è lasciare che la macchia si asciughi. Come abbiamo visto nell’articolo in cui parliamo di come rimuovere la pipì di cane, se aspettiamo troppo tempo l’urina tenderà a penetrare nei tessuti e nei materiali, impregnandoli. A quel punto non solo sarà più difficile eliminarla, ma la persistenza degli odori porterà l’animale a rifarla in quel luogo tante altre volte… un incubo infinito, insomma! Primissima regola, quindi: intervenire subito, se possibile.

Seconda regola: pulire con estrema cura. Il micio, infatti, avendo un olfatto molto sviluppato sentirà ancora l’odore di urina se non siamo stati abbastanza accorti da eliminarne ogni traccia. Quanto ai metodi, esistono diverse soluzioni. Prima di utilizzarne una, però, ti consigliamo di testarla su una parte nascosta della superficie da trattare, soprattutto se hai a che fare con materiali e tessuti delicati che potrebbero rovinarsi. Questo vale anche se decidi di impiegare delle soluzioni naturali.

Così come per la pipì di cane, non utilizzare l’ammoniaca o prodotti che la contengono: questa sostanza ha un odore simile a quella dell’urina e porterebbe il felino a rifarla nello stesso luogo. Ricorda, inoltre, di tenere lontano il micio dall’area “incriminata” fino a pulizia completata.

Come pulire la pipì di gatto: tutti i rimedi

Come anticipato, esistono diversi rimedi per rimuovere la pipì di gatto, sia casalinghi che non. Scopriamo quali sono le tecniche più efficaci per pulire tappeti e divani, ma anche pavimenti, lenzuola e indumenti.

Rimuovere la pipì di gatto dal tappeto

Tempestività, pazienza e prodotti giusti: ecco gli strumenti indispensabili per rimediare al danno quando il nostro pet ha scambiato un tappeto per la sua toilette personale. Ecco cosa ti suggeriamo di fare in questi casi:

  • Innanzitutto, cerca di assorbire quanto più liquido possibile dal tessuto premendo sulla macchia con un panno, un asciugamano o della carta assorbente (indossando dei guanti). Ricorda sempre di premere e di non strofinare per non peggiorare la situazione.
  • Sciacqua l’area con dell’acqua pulita e rimuovi il liquido usando un aspiraliquidi come i bidoni aspiratutto AR Blue Clean. Si tratta di strumenti diversi dal comune aspirapolvere perché possono aspirare contemporaneamente sporco solido e liquido (oltre che residui di grandi dimensioni come calcinacci, trucioli, terriccio).

  • A questo punto dovrai distribuire sulla superficie un detergente a base di enzimi (prima testalo in un angolo poco visibile). Dovrai usarne abbastanza perché lo scopo è quello di impregnare bene l’area macchiata. Non deve essere un trattamento solo superficiale, quindi, altrimenti gli odori difficilmente spariranno. Perché scegliere proprio i detergenti enzimatici? Il motivo è che hanno la capacità di scomporre l’acido urico presente nell’urina, contribuendo in modo efficace alla rimozione della macchia e dell’olezzo che tende a emanare.
  • Lascia agire il prodotto per circa 10-15 minuti, quindi tampona quanto più liquido possibile usando un panno pulito. In certi casi, soprattutto a fronte di macchie vecchie, potrebbe essere necessario ripetere l’operazione.

Desideri sapere di più sulla cura di questo importante componente d’arredo? Scopri tutte le tecniche per lavare il tappeto in base alla tipologia!

Pulire l’urina di gatto dal divano

Il metodo per rimuovere la pipì di gatto dal divano non si differenzia particolarmente da quella suggerita per il tappeto. Anche in questo caso dovresti prima assorbire quanto più urina riesci con un panno o un asciugamano, usare un detergente a base di enzimi lasciandolo agire alcuni minuti, e poi assorbire il liquido con un panno pulito.

Gli aspiratori multiuso AR Blue Clean sono preziosissimi anche per la cura ordinaria di divani e poltrone. Grazie alla bocchetta per tessuti di cui è provvisto, un modello come 32 Series 3270 ti consente di eliminare facilmente la polvere dai tessuti, mantenendo le superfici sempre in ottime condizioni. Il suo aspetto compatto fa sì che possa essere spostato e riposto agevolmente, e la presenza della funzione soffiante permette di togliere la polvere anche dai punti più difficili.

Come pulire la pipì di gatto da pavimenti e superfici lisce

Il micio ha fatto la pipì sul pavimento? Dopo aver assorbito il liquido con della carta assorbente o un panno, puoi passare alla pulizia utilizzando sempre un detergente enzimatico oppure, in alternativa, del sapone per i piatti diluito in acqua fredda. Per finire dovrai asciugare per bene la superficie.

Se hai un pavimento in legno è doppiamente importante intervenire il prima possibile, testando in un angolo poco visibile i prodotti che intendi usare per accertarti che non rovinino il materiale. A questo proposito, sai come prenderti cura del parquet?

Lenzuola e vestiti: come rimuovere l’urina di gatto

Anche vestiti e lenzuola possono diventare bersaglio dei nostri amici gatti. Se il tessuto è lavabile in acqua, puoi procedere seguendo questi step:

  1. Sciacqua la macchia sotto l’acqua fredda.
  2. Metti i capi o i tessuti in lavatrice e fai partire un lavaggio con acqua fredda aggiungendo il detersivo per il bucato e del bicarbonato oppure dell’aceto di mele.
  3. Se dopo il lavaggio i vestiti o le lenzuola odorano ancora di urina, puoi fare un altro ciclo di lavaggio, questa volta utilizzando del detergente enzimatico, seguendo le istruzioni del prodotto.
  4. Infine non ti resta che fare asciugare il tessuto all’aria aperta, evitando l’asciugatrice perché il calore potrebbe fissare ulteriormente l’odore.

È molto importante ricordare di non usare la candeggina tradizionale – quindi quella a base di cloro – sia perché potrebbe danneggiare le fibre sia perché la pipì contiene ammoniaca: se mescolate insieme, candeggina e ammoniaca possono scatenare gas pericolosi come spieghiamo nell’articolo sugli errori da non fare per pulire in sicurezza.

Se i capi e i tessuti sono solo lavabili a secco, invece, ti consigliamo di portarli subito in lavanderia, senza aspettare che la macchia si asciughi.

Rimuovere l’odore di urina del gatto

Esistono anche altri rimedi che, in aggiunta alle tecniche che abbiamo visto, possono aiutarti a rimuovere l’odore della pipì di gatto. Due di questi sono l’aceto e il bicarbonato, entrambi utili per chi vuole pulire la casa in modo ecologico. Una soluzione composta da una parte di acqua e una di aceto, ad esempio, può essere passata sul pavimento dopo averlo deterso, seguendo le indicazioni date in precedenza, per neutralizzare più facilmente gli odori. Il bicarbonato, invece, può essere cosparso sul tappeto dopo averlo pulito, aspettando almeno mezz’ora prima di aspirarlo.

Un’ulteriore strategia consiste nell’utilizzo dell’alcol, utile per disinfettare ed eliminare gli odori dalle superfici lisce: basta versarne o spruzzarne un po’ sull’area da trattare (dopo averla pulita), lasciarlo in posa alcuni minuti, quindi sciacquare con acqua. L’alcol, inoltre, è un ottimo alleato per sanificare gli ambienti domestici.

Pulire la pipì del gatto lettiera

Pulire regolarmente la lettiera: un’abitudine fondamentale per rimuovere l’odore di urina

La pulizia della lettiera, chiaramente, fa parte delle operazioni indispensabili per evitare l’odore di urina in casa. In più, oltre a essere essenziale per una questione igienica, come abbiamo visto è un ulteriore elemento che evita che il nostro amico peloso faccia i suoi bisogni altrove.

La sabbia agglomerante andrebbe setacciata quotidianamente per eliminare i grumi che si formano con le feci e l’urina del micio. Non dovremo inoltre dimenticare di sostituire periodicamente la sabbietta e di lavare a fondo la toilette con regolarità. Tieni conto che, sebbene per noi umani possa essere gradevole, una sabbietta profumata può non essere apprezzata dal gatto.

Avere degli amici a quattro zampe implica sicuramente un impegno in più per avere una casa sempre curata e igienizzata, ma la loro presenza e compagnia sanno indubbiamente ripagare tutti i nostri sforzi! Scopri di più su come pulire la casa quando ci sono degli animali e come rimettere a nuovo la cuccia del cane.