Pulizia e dintorni

Lavaggio e manutenzione del trattore agricolo

13 Ottobre

BLOG
Lavaggio e manutenzione del trattore agricolo

L’igiene e la manutenzione dei macchinari sono fondamentali all’interno del settore agricolo e zootecnico: per garantire la produttività e ridurre i rischi di contaminazione, il lavaggio di trattori, attrezzature e capannoni va svolto periodicamente. Per farlo in maniera rapida ed efficace, l’idropulitrice in azienda agricola è uno strumento indispensabile.

All’interno di un’azienda di questo tipo è necessario poter rimuovere tempestivamente materiali organici, come letame e residui di mangimi, e sanificare gli spazi in cui gli alimenti vengono stoccati e lavorati. Per questo, la forza dell’acqua erogata ad alta pressione gioca un ruolo sostanziale: un buon funzionamento infatti, necessita di una buona manutenzione e con l’idropulitrice professionale è possibile pulire rapidamente i mezzi agricoli dallo sporco intenso e dai residui di olio e grasso.
Vediamo insieme quale idropulitrice scegliere per il lavaggio del trattore agricolo e alcuni suggerimenti pratici per una corretta manutenzione.

 

Lavaggio del trattore con idropulitrice: quale scegliere

Le idropulitrici si dividono in tre categorie: idropulitrici a caldo, a freddo e a scoppio: la scelta dipende dalle esigenze specifiche dell’ambiente e dal tipo di sporco da rimuovere. 

Per il lavaggio quotidiano del trattore è sufficiente impiegare un modello ad acqua fredda: la forza dell’acqua erogata ad alta pressione permetterà di rimuovere facilmente lo sporco e il fango che si annidano all’interno della macchina durante le lavorazioni. Dotata di una potenza di 7.4 kW, 10 Series 1007XE è costruita con materiali robusti e di qualità, che la rendono capace di erogare acqua con una portata di 900 l/h a una pressione di 230 bar, perfetta per rimuovere anche lo sporco più difficile. Grazie al kit schiumogeno alta pressione, inoltre, è possibile utilizzare l’idropulitrice in abbinamento a un detergente: il kit si aggancia facilmente alla pistola grazie all’attacco a vite filettato e ha il vantaggio di distribuire il detergente in modo molto più uniforme e veloce rispetto ad un serbatoio in bassa pressione.

Per agire contro lo sporco particolarmente incrostato e per rimuovere le macchie di olio e grasso che si trovano di frequente nei mezzi agricoli, la soluzione migliore è invece intervenire con un’idropulitrice ad acqua calda, come 88 Series 8880: grazie alla caldaia di cui è dotata, riesce a soddisfare appieno le esigenze più estreme di sanificazione. L’acqua calda, infatti, è fondamentale per sgrassare i mezzi agricoli e igienizzarli dalle tracce di letame e materiali organici. 

Inoltre, si tratta di uno strumento così versatile da risultare perfetto per intervenire in tante situazioni differenti: per esempio, l’idropulitrice in azienda agricola è utile per la pulizia di stalle, recinti, capannoni e piazzali.

Se non si ha la possibilità di collegare la macchina all’alimentazione elettrica è meglio orientarsi verso l’idropulitrice a scoppio, una soluzione che presenta numerosi vantaggi, come la manovrabilità e la facilità di trasporto che permettono di agire ovunque.

 

lavaggio trattore con idropulitrice

 

All’interno della sua linea professional, che comprende sia idropulitrici ad acqua calda che idropulitrici ad acqua fredda, Annovi Reverberi propone anche una vasta gamma di idropulitrici a scoppio che garantiscono la massima flessibilità e prestazioni elevate. Tra queste, 14 Series 1480 risponde perfettamente alle sfide del cleaning in azienda agricola: l’idropulitrice è realizzata utilizzando esclusivamente materiali di qualità e anti-corrosione, come l’ottone, garantendo una lunga durata e un’estrema facilità di manutenzione data la posizione accessibile del gruppo pompa-motore. Al suo interno è presente un motore a scoppio performante HONDA GX390 con riduttore automatico dei giri che permette di raggiungere una pressione massima di 280 bar, una portata massima di 960 l/h (variabile grazie all’apposito regolatore di pressione) e 3400 giri al minuto. 

Tutte le idropulitrici della Serie 14 sono progettate per raggiungere agevolmente anche le zone più inaccessibili dell’azienda agricola: grazie alle comode ruote e alla struttura carrellata possono essere trasportate ovunque e operare anche su terreni sconnessi.

 

Come lavare il trattore agricolo con l’idropulitrice 

Lavare frequentemente il trattore agricolo è necessario per mantenere le performance del mezzo e l’idropulitrice permette di svolgere questa attività in modo rapido. Vediamo come fare nel dettaglio.

Per prima cosa, distribuisci il detergente su tutte le superfici del trattore, lasciandolo agire alcuni minuti in modo che possa sciogliere lo sporco ostinato: per questa operazione è consigliabile utilizzare un getto a ventaglio

Una volta atteso il tempo di azione, si passa al lavaggio: regola la pressione dell’idropulitrice e, partendo da un getto iniziale più leggero, comincia a lavare il mezzo dall’alto verso il basso, seguendo un movimento costante. Presta particolare attenzione alle ruote e al sottoscocca: sono le parti in cui si annidano polvere e detriti. Una volta rimosso il detergente e risciacquato tutto il trattore, lascialo asciugare al sole. 

 

manutenzione trattore

 

Se il tuo trattore possiede una cabina, per rimuovere i residui di terra, fango e paglia puoi impiegare un aspiratore professionale come 44 Series 4400P. Annovi Reverberi, infatti, all’interno della sua linea professional propone anche una vasta gamma di aspiratori per solidi e liquidi progettati per la pulizia dello sporco più intenso e per cui è richiesta una maggior capacità di raccolta. 

44 Series 4400P, grazie alle sue caratteristiche tecniche, è in grado di raccogliere con estrema facilità grosse quantità di sporco grossolano e liquido, lasciando le superfici asciutte e pulite. I numerosi accessori in dotazione ne migliorano le prestazioni e ne rendono ancora più agevole l’utilizzo: la bocchetta grande per fessure permette di aspirare polveri e sporcizia anche dalle parti più strette dell’abitacolo, mentre la spazzola tonda per la pulizia di tessuti e tappeti è l’ideale per i sedili e gli interni del trattore. Per agevolare l’aspirazione e permettere all’aspiratore di operare anche a distanze più importanti, è inoltre disponibile il tubo in metratura (ø40/30m) oppure in metratura (ø40/15 m)

L’aspiratore per solidi e liquidi è un prodotto multifunzione che agevola il lavoro e semplifica le operazioni quotidiane di pulizia, perfetto non solo per i mezzi agricoli ma anche per tutta l’azienda. La pulizia di macchinari e strutture, infatti, è importante per garantire la sicurezza degli operatori e per mantenere trattori, camioncini e macchine agricole sempre operative e performanti

 

Manutenzione del trattore: quando farla e perché è importante

L’efficienza del trattore agricolo è strettamente collegata alla produttività aziendale: la manutenzione straordinaria, dovuta a guasti o usure, è spesso molto costosa e soprattutto causa di rallentamenti all’interno della produzione. Per evitare il più possibile questi inconvenienti, è necessaria una buona manutenzione. Ecco alcuni suggerimenti per effettuarla al meglio. 

 

La manutenzione giornaliera del trattore agricolo 

Durante i periodi di lavoro più intensi e gravosi è bene prendersi cura del trattore quotidianamente: le polveri provocate dalla movimentazione di terreni e prodotti agricoli hanno un forte impatto sulla macchina e sulle sue componenti. Come abbiamo appena visto, il trattore va lavato quotidianamente con l’idropulitrice, facendo attenzione alle parti più a contatto con sporco, fango e letame, a causa della loro azione corrosiva. 

Un’altra cosa di cui occuparsi è la pulizia del radiatore con aria compressa: la polvere può depositarsi in grande quantità e impedire l’abbassamento della temperatura del liquido di raffreddamento del motore. Non dimenticare anche di controllare lo stato di pulizia del filtro dell’aria per assicurare un corretto apporto, sufficiente per il corretto funzionamento del motore.

 

Manutenzione periodica del trattore: a cosa fare attenzione

La manutenzione periodica va eseguita secondo le cadenze e i termini indicati sul manuale d’uso del mezzo, ma alcune attività possono essere svolte anche più frequentemente, ad esempio dopo un lavoro prolungato oppure prima del rimessaggio invernale o della ripresa lavorativa primaverile. Tra queste troviamo:

  • il controllo olio del motore, con eventuale rabbocco o sostituzione dell’olio esausto;
  • la sostituzione del filtro dell’olio motore;
  • il controllo del livello del liquido dei freni e spurgo del serbatoio dell’impianto;
  • il controllo dello stato della pompa del gasolio e del filtro.

A livello manutentivo non vanno trascurate anche le parti di meccanica e idraulica: va prestata particolare attenzione, infatti, proprio ai condotti del sistema idraulico. Queste parti sono da esaminare periodicamente e in maniera minuziosa: se si notano delle screpolature o delle perdite, andranno immediatamente sostituite presso un’officina specializzata. 

Tenere conto di tutti questi fattori all’interno dei cicli di un’azienda agricola può essere impegnativo, ma è fondamentale. Proprio per questo è utile riuscire ad ottimizzare i tempi per ridurre gli sforzi e mantenere elevata la produttività. Annovi Reverberi, forte della sua esperienza nel campo del cleaning, conosce bene le esigenze di questo settore che, al pari dell’ambiente industriale, oppure all’interno della pulizia del cantiere navale o del cantiere edile, necessita di macchine potenti, altamente performanti e durevoli nel tempo